Raccolta

Nell’anno 2014 la raccolta retail del sistema bancario italiano, rappresentata in particolare dai depositi a clientela residente e dalle obbligazioni, ha registrato complessivamente una flessione, risentendo in particolare della dinamica negativa della raccolta a medio e lungo termine. Il valore complessivo della raccolta a Novembre 2014 è risultato pari a 1.709 miliardi di euro, in diminuzione dell’1,46% rispetto a Novembre 2013, dell’1,2% rispetto alla fine dello scorso anno.

Anche nel 2014 Banca IFIS ha potuto attingere con facilità a linee interbancarie collateralizzate con operatività repo, potendo contare su una importante dotazione di titoli governativi italiani accettati quale garanzia da altri Istituti o, in ultima istanza, dall’Eurosistema grazie alla liquidità sempre concessa dalla BCE.

Nel corso dell’anno è stato estinto un portafoglio di attività già utilizzate per operazioni di rifinanziamento presso l’Eurosistema tramite l’emissione e il riacquisto di obbligazioni sulle quali era stata ottenuta la garanzia del Governo italiano per un periodo triennale per un valore pari a 138 milioni di euro e per un periodo quinquennale per 69 milioni di euro, ad un costo commissionale dell’1,03%. L’estinzione ha trovato ragione nella sopravvenuta impossibilità di utilizzare le emissioni per il rifinanziamento, oltre che nella rilevanza relativa del loro costo.

Banca IFIS detiene da febbraio 2012 un ammontare di 500 milioni di euro ad un costo pari al tasso BCE (oggi 0,25%) per una durata di 3 anni della seconda tranche del programma LTRO non ancora rimborsata. La Banca ha partecipato alla seconda asta di fondi TLTRO (Targeted Long Term Refinancing Operation) della Banca Centrale Europea per un importo complessivo di 119 milioni di euro, assegnati in Dicembre ad un tasso 0,15% fisso per 4 anni.

La raccolta non ha mai evidenziato tensioni e l’operatività in titoli ha generato buoni risultati in termini di marginalità, contribuendo ad alleggerire il costo del finanziamento della raccolta retail, storica-mente più elevato sul mercato on line ove la volatilità in caso di depositi non sufficientemente remunerativi per la clientela può rappresentare un rischio.

 

Ultimo aggiornamento il 17/01/2015